Novembre 2017
LunMarMerGioVenSabDom
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930   

Calendario Calendario

Google Translate
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» 2 CHIACCHERE TRA DI NOI
Dom Nov 05, 2017 8:01 am Da Cristiano Ferrari

» Incardellato di 4 anni
Sab Ott 14, 2017 9:03 am Da Cristiano Ferrari

» Timbrado: stagione 2014
Sab Ott 07, 2017 11:11 pm Da guanda80

» TIMBRADO Ivo 2014
Mer Ott 04, 2017 6:32 pm Da Giacomo

» Ciao, sono Mauro
Lun Ott 02, 2017 10:17 pm Da Giacomo

» Ciao Massimo
Mar Set 19, 2017 11:01 pm Da salvuccio

» Cedo timbrado discontinuo
Sab Set 16, 2017 7:19 am Da Maffo

» Coppia cardellini Tschusii
Lun Set 11, 2017 10:37 pm Da lupo

» sesso del mio incardellato
Mar Lug 04, 2017 8:55 pm Da cicciodog

I postatori più attivi del mese
Cristiano Ferrari
 

Statistiche
Abbiamo 956 membri registrati
L'ultimo utente registrato è costantino

I nostri membri hanno inviato un totale di 139589 messaggi in 7168 argomenti
forumornitologico.forumattivo.it
motori ricerca

YORKSHIRE

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

YORKSHIRE

Messaggio Da Cristiano Ferrari il Lun Dic 26, 2011 7:08 am

Lo Yorkshire

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Lo Yorkshire è una Contea dell'Inghilterra nord-orientale ove, oltre al resto, l'agricoltura e l'allevamento degli animali domestici vengono praticati su vasta scala e con risultati di rilievo, vistoche' vi sono nate due famose razze di suini, una di cani e una di canarini.
Il nome di esse in ogni caso è lo stesso: Yorkshire. Per brevità il canarino omonimo viene chiamato anche York, ma un pò impropriamente, perchè questo è il nome della città principale della Contea, ricca di storia e di nomi illustri, fondata dai Romani nel 72 d.C. con il nome di Eburacum.
Abbiamo già accennato a questa razza quale responsabile della scomparsa del vecchio Bossù. Adesso torniamo alla sua origine.
Già nella metà del secolo passato nello Yorkshire veniva allevato con questo nome un canarino piuttosto lungo, sottile e a portamento alquanto eretto, diretto discendente da quei Grandi Olandesi che in epoche diverse avevano varcato la Manica, e ancora assai simile ad esso, nonostante i tentativi selettivi fatti per modificarlo.
Oggi Yorkshire è il nome di una razza che discende da quei canarini, ma che si è talmente trasformata che non sarebbe facile credere in una loro parentela.
A quel tempo esistevano in Inghilterra anche i Lancashire, anch'essi derivati dal Grande Olandese (ma qual'è il canarino di grossa taglia che non deriva dal Grande Olandese?) e i Bossù provenienti dal continente, importati come "cosa rara".
Mettiamo insieme: primo, il desiderio di migliorare il povero Yorkshire di allora che, rispetto alle due altre razze, appariva alquanto modesto; secondo, l'osservazione dei risultati degli incroci fra queste tre razze, fatti per la curiosità di vedere cosa ne sarebbe scaturito fuori; terzo, il genio selettivo congenito degli Inglesi e i loro Clubs ... e il risultato fu che i canaricoltori del tempo si trovarono presto in accordo sul programma da seguire per trasformare il canarino della loro Contea in un canarino di taglia accresciuta, con portamento ancora più slanciato e con piumaggio aderente. La grossa taglia sarebbe stata presa dal Lancashire a testa liscia, il resto dal Bossù. Le percentuali più opportune di ciascun sangue si sarebbero studiate cammin facendo.
Quindi, non creazione (ex novo) di una razza, ma di un miglioramento della razza tradizionale della Contea.
Delle mete che si erano prefissi questi primi allevatori, molte furono raggiunte e prese forma una razza ben fissata, del tutto diversa da ogni altra e dalla struttura così sofisticata da indurre a riconoscere una volta di più che veramente a questi Inglesi non si potrà mai insegnare nulla in fatto di selezione e, vorremmo anche aggiungere, sul modo di risolvere ogni problema del genere.
Anche i tentativi iniziali di selezione dello Yorkshire, il "Gentleman of the Fancy", sono fatto emblematico della loro mentalità. Il loro orgoglio e la loro tenacia li spinge alle mete più ambite, ma sono sollecitati a cambiare politica quando si accorgono che una certa situazione sta diventando insostenibile e conviene salvare il salvabile, sopratutto per salvare l'onore.
Tutto lascia credere che le prospettive di questo nuovo canarino fossero così seducenti da far trascurare a tal punto il vecchio e letargico Lancashire (che ormai aveva dato tutto quanto la sua potenzialità genetica poteva dare) da farlo considerare utile solo in funzione di quanto poteva dare ancora di sè per migliorare il nuovo astro nascente, e fu il colpo finale al vecchio gigante che già taballava abbastanza per conto suo.
La razza di cui stiamo parlando prende oggi il nome di Yorkshire Vecchio Tipo o Continentale (poi vedremo il perchè). Era lungo sui 17 cm. molto eretto di portamento e così sottile che gli Inglesi dicevano che poteva passare attraverso un anello matrimoniale: con minore esagerazione si diceva che aveva la forma di una carota.
I connotati più salienti erano: totale continuità tra testa e spalle, cioè nessun solco a livello del collo (carota!); testa-corpo-coda perfettamente in linea tra loro , talchè una riga immaginaria passante per l'occhio e la coda divideva l'uccelino in due parti pressochè simmetriche, una anteriore e una posteriore.
Ma ecco che la solita mania degli allevatori si risveglia ancora una volta. Si sono visti i risultati di alcuni incroci con il Norwich i quali non sono niente male, tanto che sono ormai vari anni che alcuni si interessano a questa nuova via selettiva; si comincia a mormorare che la testa e le spalle più grosse lo rendono ancora più attraente; si dice che lo Yorkshire attuale è solo una tappa di un miglioramento che non è ancora ultimato; si discute, chi parteggia per il Vecchio Tipo chi per il Nuovo Tipo; i Club sono in fermento.
Alla fine, non fosse altro per per appagare la smania del nuovo, vince il parere dei sostenitori del Nuovo Tipo (1962) e si arriva al 1968, anno di codificazione del nuovo standard.
A questo punto è giuoco-forza chiamare la vecchia versione dello Yorkshire, Vecchio Tipo e la nuova Nuovo Tipo; anzi, poichè il Vecchio Tipo in Inghilterra si estingue in pochi anni, mentre continua ad essere allevato sul Continente, questo Vecchio Tipo prende anche il nome di Yorkshire Continentale (soppresso dalla COM ad Antibes nell'Aprile del 1974).

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Ne ha fatta di strada questo canarino in un secolo! Cosa resta nel sangue del moderno Yorkshire di quei diretti discendenti del Grande Olandese che si allevano nello Yorkshire?
Ben poco.
In conclusione, l'innesto del Bossù, del Lancashire e, infine, del Norwich, ciascuno per la propria parte, sono stati determinanti. Certamente, senza la mole del Lancashire, la sfilatezza del corpo e gli arti posteriori estesi del Bossù, e il piumaggio, la testa e le spalle del Norwich, lo York moderno non ci sarebbe. E battiamo ancora una volta le mani a questi maestri della selezione.
I connotati dello York moderno (standard del 1968) sono i seguenti.
Testa tonda e piena con ampia nuca e sopraciglia accennate. Collo definito da un modico ma deciso solco dorsale in modo che la testa appaia direttamente incastrata nelle larghe e altissime spalle e non abbia la sensazione della presenza del collo; segue l'alto petto ugualmente largo in tutti i suoi diametri e, perciò arrotondato. Tutto questo complesso di connotati fa apparire la metà superiore del corpo come un unico blocco e, a dir la verità, fa apparire il canarino anche un pò gobbo. Il corpo, nella sua parte posteriore, si assottiglia gradatamente verso la coda. Acciocchè questa forma a lungo cono sia più evidente possibile, la eventuale forma cilindrica del corpo che si assottiglia di colpo alla fine dell'addome (soggetti molto brinati) costituisce grave difetto.
Il piumaggio è brillante e formato da piume relativamente corte e povere di barbole, in modo da presentare la massima aderenza e compostezza, necessarie per mettere in risalto la forma del corpo.
Tutti i colori sono ammessi, come pure la colorazione artificiale. Ali piuttosto lunghe e ben aderenti, formate da remiganti lunghe e strette. Arti inferiori ben estesi in modo che almeno il calcagno appaia totalmente libero.
Coda uniforme, lievemente rialzata rispetto alla linea del corpo, formata da timoniere lunghe e strette: piume di gallo assenti.
Portamento molto eretto (circa 80°). Come è noto, questo canarino viene esposto nelle manifestazioni ornitologiche solo in gabbie apposite, strette e alte, munite in pratica di un solo posatoio; tutto ciò per favorire il portamento altero che deve essere mantenuto stabilmente (o almeno nel momento del giudizio). Al povero canarino, messo a dimora in questa gabbia molto tempo prima del periodo espositivo, non rimane, se vuol fare un pò di moto, che scalpitare sul posatoio spostandosi a destra e sinistra di qualche centimetro o afferrare con una zampa le gretole laterali (eredità del Bossù, come il Gibber etc.) e tutta questa esuberanza ... è apprezzata dai giudici, pienemente convinti che questo supplizio è necessario e fa parte del giuoco.
La lunghezza prescritta è compresa fra i 17 ed i 18 cm. ma molti soggetti, specialmente maschi, la superano. E' inevitabile che un soggetto sia tanto più apprezzato quanto più è lungo, ma ciò non deve assolutamente andare a detrimento degli altri connotati e, in particolare, del piumaggio. Che senso ha uno York grosso e brutto? A proposito della taglia, noi suggeriamo che un buon ceppo debba essere costituito da soggetti lunghi sui 18-19 cm. non di più. Poichè in ogni popolazione di animali la variabilità della specie produce costantemente soggetti più lunghi e più corti della media, comparirà anche qualche soggetto di maggiore lunghezza. Questo soggetto potrà essere il Campione se manterrà gli altri connotati aderenti allo standard, ciò che non sarà difficile se il ceppo è formato da buoni soggetti di giusta taglia. Sarebbe errato, però, accoppiare fra loro due soggetti di grande taglia perchè in questo caso si faciliterebbe la comparsa dei caratteri negativi della omozigosi e, prima fra tutti, la pesantezza di forma e di piumaggio che furono caratteristici del Lancashire prossimo ad estinguersi. Naturalmente nessun allevatore si sognerebbe di non utilizzare per l'allevamento il Campione, cioè è umano, anche se non sempre razionale, ma la cosa migliore sarà di accoppiarlo con un soggetto di taglia medio-piccola e dalle forme eccellenti ( i ben noti soggetti da allevamento).
Nelle razze sofisticate come questa, ottenere molti Campioni non è facile e se l'allevatore avesse in mente questo traguardo finirebbe per disamorarsi alla razza che non gli dà questi campioni con la facilità che lui vorrebbe. L'allevatore deve avere lo scopo di crearsi un ceppo capace di dargli tutti gli anni qualche campione. La pratica insegna che questo è il massimo che si può conseguire in tutte le razze molto differenti dalla specie selvaggia.
Il nostro parere è che, quando uno di tali ceppi è stato costruito, la consanguineità è il solo mezzo per mantenerlo tale ed anche migliorarlo. Ripetiamo per l'ennesima volta che chi ogni anno introduce nel proprio ceppo qualche "pezzo" allettante, ha poche probabilità di avere successo. Lo York è un canarino di indole tranquilla e flemmatica, un gentleman, però, come già detto, nell'intento di evitare i rischi dell'apatia (non infrequente nei soggetti di grande taglia, sopratutto se brinati) vengono preferiti i soggetti che mostrano almeno una certa irrequietezza nei movimenti delle zampe nella gabbia da mostra ma, naturalmente, la vivacità autentica può valutarla solo l'allevatore osservando i soggetti nelle comuni gabbie o voliere quando il periodo delle esposizioni è terminato.
Per quanto concerne la riproduzione, gli Inglesi dichiarano di non fare uso di balie, in Italia se ne fa uso, ma la maggioranza dei soggetti, specie quelli di taglia medio-piccola, sono ottimi allevatori.
Anche per questa razza viene consigliato l'accoppiamento Giallo x Verde e pezzato x pezzato e, naturalmente, intenso x brinato.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

I novelli, come è per tutte le razze di grossa mole, sono più lenti di altri a rendersi indipendenti, per cui la presenza del maschio è opportuna. Nel periodo che precede la muta è necessario che anche i novelli che si reputano destinati ad essere esposti soggiornino in ampie gabbie insieme agli altri, acciocchè irrobustiscano i muscoli del petto e degli arti inferiori, questi ultimi destinati ad un certo super lavoro per mantenere la posizione eretta durante il soggiorno nelle gabbie da mostra. Sul momento più opportuno per iniziare l'allenamento nelle gabbie da mostra, sulla durata del soggiorno in esse, su tutti gli espedienti e trucchetti che si usano per facilitare l'assunzione e il mantenimento della posizione eretta (passaggio spontaneo dalla gabbia grande alla piccola con l'invito di verdure, passaggio mediante posatoio spostato manualmente, addestramento a sollevarsi mediante colpetti, schermatura dei 3/4 inferiori della gabbietta, ecc.) ogni allevatore ha le sue preferenze e i suoi segreti. Noi ci limitiamo a dire che l'uso dei "colpetti" per "rizzare" il canarino è un espediente errato, e per intuibili ragioni di ordine genetico, e perchè il portamento degli York dovrebbe essere valutato alla rastrelliera e non sul tavolo del giudice, ciò che in verità, i nostri giudici cercano sempre di fare.
Lo York è un canarino più rustico di quanto l'aspetto farebbe presumere. I lumps sono rari. Non è rara, specie nei maschi di grande mole, la cecità dopo il primo o secondo anno di vita. Il fatto che ciò è frequente anche negli Arricciati di Parigi fa pensare

ad una relazione fra mole e cecità.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Fonte-[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

_________________
...ASPETTANDO IL RITORNO DEGLI ANUNNAKI

RNA 90PW

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
Cristiano Ferrari
Admin
Admin

Messaggi : 7719
Data d'iscrizione : 24.11.11
Località : Appennino Reggiano

http://forumornitologico.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum