Settembre 2018
LunMarMerGioVenSabDom
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Calendario Calendario

Google Translate
Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Ciao sono Andrea
Dom Set 09, 2018 9:54 am Da Mauro73

» Richiesta aiuto individuazione verso
Lun Ago 20, 2018 1:41 pm Da wizzolo

» Canarino comune italico
Dom Dic 31, 2017 4:31 pm Da giorgio giusini

» 2 CHIACCHERE TRA DI NOI
Dom Nov 05, 2017 8:01 am Da Cristiano Ferrari

» Incardellato di 4 anni
Sab Ott 14, 2017 9:03 am Da Cristiano Ferrari

» Timbrado: stagione 2014
Sab Ott 07, 2017 11:11 pm Da guanda80

» TIMBRADO Ivo 2014
Mer Ott 04, 2017 6:32 pm Da Giacomo

» Ciao, sono Mauro
Lun Ott 02, 2017 10:17 pm Da Giacomo

» Ciao Massimo
Mar Set 19, 2017 11:01 pm Da salvuccio

I postatori più attivi del mese
Mauro73
 

Statistiche
Abbiamo 971 membri registrati
L'ultimo utente registrato è parthenos

I nostri membri hanno inviato un totale di 139608 messaggi in 7171 argomenti
forumornitologico.forumattivo.it
motori ricerca

Forpus Coelestis

Andare in basso

Forpus Coelestis

Messaggio Da massimo riva il Dom Gen 22, 2012 12:55 am

Forpus Coelestis

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

l Parrocchetto del Pacifico (Forpus coelestis Lesson, 1847) è un uccello appartenente alla famiglia degli Psittacidi. È conosciuto anche come parrocchetto di Lesson.
Il Forpus è un piccolo uccello, lungo circa 10-12 cm, particolarmente facile da allevare in cattività. Esistono molte mutazioni di colore ma ciò non rende difficile individuare il sesso. Il maggior carattere del dimorfismo sessuale è il colore della groppa, che nel maschio è blu intenso. Spesso i maschi hanno anche gli occhiali, ovvero delle linee blu all'esterno degli occhi rivolte verso l'indietro, ma questo carattere può essere presente, meno accentuato, anche nelle femmine.
Tra le specie del genere Forpus, questa è una delle più semplici da riprodurre in cattività. Al momento della riproduzione gli esemplari entrano nel nido, che di solito è una piccola scatola di legno verticale, uguale a quella usata per le cocorite, alta circa 20 cm. La femmina depone fino a nove uova e si occupa di covarle. In questo periodo viene alimentata dal maschio, per cui non esce mai se non una volta al giorno per i bisogni fisici. Alla schiusa, dopo 21 giorni circa, il maschio continua a portare il cibo alla famiglia. I piccoli escono dal nido dopo circa un mese. Da notare che una volta raggiunta questa maturità il maschio non li vuole più nel nido e li becca sulla testa spimandoli. È bene assicurarsi che di giorno rimangano fuori e di notte tornino a dormire nel nido, se necessario aiutandoli. Fuori dal nido la mamma li nutre comunque, insegnando loro a mangiare.
Tra gli alimenti raccomandati ci sono le gemme di pioppo e di salice piangente. Queste gemme sono da evitare se il padre sta ancora nutrendo i piccoli.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Resistono a temperature minime di 10°C, ma sopportano anche temperature inferiori allo zero, se hanno la possibilità di rifugiarsi in un nido ben coibentato.
La riproduzione principale comincia in primavera ma, se alloggiati in ambienti riscaldati e ben illuminati per almeno 14 ore la giorno, si riproducono tutto l'anno.
Depongono da 4 a 10 uova, solitamente 6 ad intervalli tra 24 e 48 ore ed iniziano ad incubare dal secondo uovo. Incubazione 21 - 24 giorni; i piccoli sono nutriti nel nido,dalla femmina imbeccata dal maschio, per quattro - sei settimane ed i giovani che escono dal nido sono normalmente indipendenti dopo una settimana -dieci giorni dall'involo.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

A questo punto, è consigliabile separarli dai genitori che, altrimenti, possono perseguitarli e morderli fino ad ucciderli per iniziare una nuova covata. Attenzione soprattutto ai giovani maschi che, fuori dal nido, vengono accettati poco volentieri dal padre.
I giovani sono maturi sessualmente intorno ai 10 mesi- un anno, età alla quale iniziano a riprodursi regolarmente (i maschi qualche volta sono fecondi già a quattro mesi) ma, normalmente, diventano buoni allevatori solo al secondo anno di vita.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
CELL. 3403837887
RNA FOI 74 SE
CONSIGLIERE DIRETTIVO SOG-VICE PRESIDENTE[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

“Il vero viaggio di ricerca consiste non nel vedere nuove terre, ma nell’avere nuovi occhi”M.Proust......SIAMO ARRIVATI!!!!!!!
[u]
avatar
massimo riva
Admin
Admin

Messaggi : 15569
Data d'iscrizione : 08.12.11
Età : 52
Località : Lavagna(GE)

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum